ti trovi in: Agricoltura » Agriturismo

Disciplina dell'agriturismo e della multifunzionalità delle aziende agricole


Con questo titolo la Regione Emilia Romagna ha promulgato la Legge n. 4 il 31/03/2009, che regolamenta il settore agrituristico e delle attività connesse dopo 15 anni di vita ed applicazione della L.R. 26/94.

Gli scopi primari della legge sono di tutela, di qualificazione e di valorizzazione delle risorse ambientali, economiche, culturali e tipiche dei territori, di consolidamento dell’attività agricola anche attraverso la multifunzionalità e la differenziazione dei redditi agricoli, con l’introduzione dell’agriturismo, della nuova “Ospitalità rurale familiare” e della fattoria didattica.

Questa norma pone l’accento sulla molteplicità di attività connesse all’agricoltura che l’imprenditore può svolgere, ribadendo però in maniera più chiara e precisa il carattere minore che queste attività devono mantenere nell’impresa agricola.

A questo scopo è stata data particolare rilevanza all’istruttoria che Province e Comunità Montane (ora Unioni di Comuni) devono svolgere al fine di valutare e quantificare la connessione e la complementarietà tra attività agricola ed agrituristica.

Per poter svolgere l’attività agrituristica, dopo aver ottenuto l’abilitazione all’esercizio dell’attività, la certificazione relativa al rapporto di connessione con l’attività agricola esercitata e l’iscrizione nell’apposito elenco istituito dalla Provincia, deve essere presentata al Comune in cui vi è la sede dell’azienda la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), ai sensi dell'art. 10 della L.R. n. 4/2009, che è atto indispensabile per poter svolgere l'attività  agrituristica.

Con deliberazione della Giunta regionale n. 987 del 11/07/2011, la Regione Emilia Romagna ha aggiornato le disposizioni applicative a suo tempo contenute nella delibera di G.R. n. 1693/2009.

OPERATORE AGRITURISTICO
Imprenditore agricolo di cui all’art. 2135 del Codice Civile, così come modificato dall’art. 1 del D. Lgs. 18 maggio 2001, n. 228 in possesso dell’iscrizione nell’Elenco degli operatori agrituristici.

Deve possedere:
1) Partita IVA.
2) Iscrizione all’Anagrafe delle Aziende Agricole.
3) Iscrizione alla C.C.I.A.A.
4) Attestato di partecipazione a un corso professionale specifico per operatore agrituristico.

Condividi su...

Proprietà dell'articolo
creato: giovedì 8 settembre 2011
modificato: lunedì 19 maggio 2014